Test rapidi antigenici solo presso i Laboratori della rete Sars CoV 2

Il Dipartimento della Salute della Regione Puglia ha diramato una Nota Urgente, con la quale ha chiarito che solo i Laboratori facenti parte della rete Sars CoV 2 possono effettuare i test rapidi antigenici, anche su richiesta dei soggetti privati e per esigenze non correlate a motivazioni cliniche o di salute pubblica.

Continua

Spese test sierologici sul personale dipendente non ammesse al bonus sanificazione

Le spese sostenute per eseguire test sierologici sul personale dipendente, non essendo riferibili né all'attività di sanificazione, né all'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute di lavoratori e utenti, non rientrino tra quelle ammissibili al credito d'imposta di cui all'articolo 125 del decreto rilancio. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 510 del 2 novembre 2020.
Continua

Tamponi rapidi gratuiti dai medici di base, una scelta “discutibile”

Apprendiamo da notizie di stampa che in serata dovrebbe essere siglato un accordo con i sindacati dei medici convenzionati, in base al quale gli stessi medici saranno obbligati ad eseguire tamponi rapidi naso faringei antigenici, il cui costo sarà interamente a carico dello Stato, mentre i medici riceveranno un rimborso di € 18,00 per ogni tampone eseguito. L’iniziativa, di per se apprezzabile, desta però alcune perplessità.
Continua

Termine della disciplina transitoria per l’accesso semplificato al lavoro agile (smart working)

Come noto, il D.L. n. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio 2020) all’art. 90 ha previsto il diritto, fino al 31 luglio 2020 (data indicata dalla Delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020 per la cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19), a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile (c.d. smart working) anche in assenza degli accordi individuali, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.
Continua

L’Epatite



https://youtu.be/CmWXIUrOtAg
LABORATORIO ANALISI PALASCIANO - EDUCATIONAL CHANNEL

Infortunio da Coronavirus: i costi non gravano sul singolo datore di lavoro

L’Inail, con nota n. 13 del 3 aprile 2020, ha reso noto che i costi derivanti da infezione del lavoratore da Coronavirus non gravano sul singolo datore di lavoro, bensì, sulla gestione assicurativa dell’Istituto e non sono computati ai fini della determinazione dell’oscillazione del tasso medio per andamento infortunistico.
Continua